Pubblicato il: 02/11/2016

Seconda divisione maschile (coppa Verona): “Veronesi tutti matti … rovigotti bacco e pipe …”

Futurvolley (Ro) – Dual senior  2-3 Parziali: (25/23, 25/15, 20/25, 22/25, 13/15)

Formazione: Adami (n.e), Dal Degan (2), Donatelli (12), Faccincani (4), Fontanabona A. (n.e), Fontanabona P. (19), Franzoni (libero), Marazzi (9), Padovani (10), Todeschini (0), Tommasini (2).

Allenatore: Tramontano

Cari lettori eccoci ancora qui a raccontare la prima vittoria dualica in coppa. Landa sconfinata, partita di sabato, formazione rimaneggiata, esordi altoatesini, convocazioni di padre in figlio,  signora arbitro d’altri tempi e segnapunti aggiunta sono alcuni degli ingredienti di questa serata da … veronesi tutti matti!

Primo set questo il sestetto: Dal Degan palleggio, Fontanabona P. opposto, Faccincani/Tommasini al centro, Marazzi/ Padovani in banda e un esordiente Franzoni libero.

Prime fasi del set sempre all’insegna dello studio reciproco, noi sappiamo di non dover battere sul loro aitante libero mentre loro provano, fin da subito, le qualità del nostro. Il nostro giovane regista si trova per la prima volta in campo dal primo punto, l’emozione lo assale a scapito della precisione rendendo vita difficile alle nostre bocche da fuoco. Sull’altra sponda del campo invece la squadra gira e macina gioco, gli avversari sono giovani e anche il loro livello tecnico è interessante. Primo t.o. del mister rodigino a circa metà parziale e poi tutto di un fiato fino alla zona cesarini del set! Ultime fasi molto concitate: t.o. rodigino sotto 19/21 rientro e nuovo stop dualico 22/22, rientro e t.o dualico sotto 22/24, due scambi e avversari vittoriosi del set! A fine partita verremo a sapere che, durante il cambio di campo, l’attempata direttrice di gara si rivolge al tavolo delle segnapunti ( ufficiale e allieva fuori sede) dicendo: “Partita da tre a zero stasera!!”

Secondo set, tentiamo ancora la sorte con la stessa formazione. Gli avversari partono bene e con un gioco ordinato ed efficace ci mettono subito in difficoltà. Mister Tramontano è costretto ad usare il primo t.o. sotto 9/13 senza che questo porti giovamento. Difatti, al rientro in campo, sembriamo dei bimbi sperduti nella nebbia e mentre Tramontano inveisce, lo scrivente si mette a disegnare cornicette su di un foglio per smaltire il bollore. Gli avversari pigiano sull’acceleratore e un batter di ciglia ci troviamo sotto due set a zero! (ndr: “Che avesse ragione la vecchiarda?”)

Terzo set, non avendo molta scelta in panchina le due “T” decidono per un solo cambio Donatelli al posto di un poco incisivo Tommasini. Fin dalle prime fasi del parziale ci accorgiamo che qualcosa è cambiato nell’approccio in campo dualico, lo “spirito montebaldino” (ndr: la leggenda dice che sia una delle cause della pazzia veronese) comincia a fare breccia nelle menti bacate dualiche. Il nostro centralone Donatelli, definito dal mister avversario di “seconda scelta”,  sale in cattedra murando, per quattro volte consecutive, gli attaccanti avversari mentre il nostro giovane regista decide di mettere in mostra la sua arroganza servendo con precisione le bocche da fuoco dualiche. La situazione mette in panico totale i ragazzi del Futurvolley che non riescono più ad essere incisivi e spavaldi come poco prima. Solamente un t.o. per parte ci separano dalla rimonta dualica che ci porta sul 2 a 1!

Quarto set, squilibrati che vincono non si cambiano! Partenza dualica da veri schizzati, subito 6/2 e in poco tempo 16/10. Dal Degan, ispirato e aiutato dalla ricezione del libero “bolzanino”, smista al meglio i palloni; gli avversari sono intontiti e non riescono a capire nemmeno le astuzie di Fontanabona che rallentando i colpi li porta fuori tempo. (ndr: la versione del mister avversario differisce un po’: “Non tirano più forte perché sono stanchi!”). Un cambio di battitore tra Marazzi e Todeschini per impedire al primo, con l’ennesimo errore, di rovinare il “monte” punti (17 su 25) conquistato nel set e il parziale finisce in mano dualica.

Quinto set, dentro i matti da legare. E’ risaputo che il tie break può riservare delle sorprese ma dopo la prestazione dualica nel terzo e quarto parziale lo scrivente decide che è ora si tralasciare le cornicette e concentrarsi sugli eventi in campo.

Partenza sprint della dualica combriccola e t.o. rodigino sotto 2/6. Cambio campo 8 a 4 in nostro favore e si riparte. Gli attaccanti dualici sono caldi, con discreta sicurezza riescono a tenere il cambio palla. Un paio di nostri errori permettono agli avversari di riportarsi sotto, ma mister Tramontano è pronto! Time out 11/10 in nostro favore. Rientriamo e subito stop rodigino! Pronti via  e col minimo scarto facciamo nostra la partita!

Partita dai due volti: i primi due set, soprattutto il primo, buttati alle ortiche. Poi una prestazione da manuale per i  restanti parziali. In evidenza le prestazioni di Fontanabona e Donatelli in attacco, Dal Degan con cervello acceso in regia e Franzoni come libero. Da segnalare la massiccia presenza di Fontanabona & C. nel palazzetto: due in campo, uno sugli spalti e una al tavolo segnapunti … na potenza!

Fatto tesoro delle affermazioni (arbitro e mister rovigotto) che ci hanno accompagnato durante la serata, allego simpatica canzoncina da ascoltare con attenzione!

Un caro saluto M&P

Sponsor Principali